hamradioweb.org

 


Vai indietro   hamradioweb.org > Discussioni / Areas of discussion > Generale

Avvisi

Generale Argomenti di carattere generale di interesse per i radioamatori.

Rispondi
 
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 27-04-19, 06:52   #1
i4zsq
Senior Member
 
L'avatar di i4zsq
 
Registrato dal: Oct 2008
ubicazione: Bologna per lo più... ogni tanto portatile SP8-Polonia .
Messaggi: 5,114
Cool E noi in quanti siamo...?

Ho fatto una breve ricerca in giro per sapere quanti radioamatori sopravvivono in Italia alla spinta del progresso legato ai cellulari multifunzioni, ma ho trovato solo pochi dati risalenti a circa 30 anni fa. In compenso ho trovato due grafici interessanti, uno degli americani che mostra una netta ripresa dopo una flessione durata sette o otto anni, mentre il grafico giapponese meno aggiornato mostra un calo che assomiglia più a un tracollo vero e proprio ( chissà se si sono un po' ripresi nel frattempo..). Mi piacerebbe trovare qualche dato abbastanza recente relativo all' Europa e in particolare all'Italia. Non essendo io un analista non mi addentrerò in banali supposizioni per spiegare le cause di queste variazioni nell'interesse verso il nostro hobby, ma leggerò con interesse gli eventuali pareri in merito . 73'
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   Ham Radio Stats 2014.jpg‎
Visite: 100
Dimensione:   69.6 KB
ID: 18991   Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   Japan-radio-license-2005.jpg‎
Visite: 99
Dimensione:   32.5 KB
ID: 18992  
__________________
I4ZSQ Silvano
i4zsq non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 27-04-19, 07:51   #2
it9rwb
Senior Member
 
Registrato dal: Nov 2009
ubicazione: scicli
Messaggi: 273
Re: E noi in quanti siamo...?

Interessante Sil, sarebbe bello avere il grafico degli Europei ed infine degli italiani, giusto per avere un metro di confronto!Siamo più verso i giapponesi o verso gli americani??

73.
it9rwb è  collegato   Rispondi quotando
Vecchio 27-04-19, 18:45   #3
iz0ais
Senior Member
 
Registrato dal: Aug 2015
ubicazione: Velletri RM
Messaggi: 82
Re: E noi in quanti siamo...?

Qualche mese fa ho letto le statistiche dell'ANFR francese sul numero dei radioamatori francesi, dal 1997 al 2018 e sono queste:

Click the image to open in full size.

queste sono le nuove licenze dal 2010 al 2018:

Click the image to open in full size.

probabilmente e per grandi linee, in rapporto con i loro numeri, qua in Italia l'andamento sarà simile
__________________
73 de IZ0AIS Lou

Ultima modifica di iz0ais; 27-04-19 a 18:48
iz0ais non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 27-04-19, 20:15   #4
i4zsq
Senior Member
 
L'avatar di i4zsq
 
Registrato dal: Oct 2008
ubicazione: Bologna per lo più... ogni tanto portatile SP8-Polonia .
Messaggi: 5,114
Cool Re: E noi in quanti siamo...?

stasera ho fatto un altro giro e ho trovato un paio di siti che trattano l'argomento, uno in UK ove lamentano un forte calo del numero di OM e uno recente dagli USA ( ottobre 2017 ) abbastanza dettagliato...
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   uk amateur.JPG‎
Visite: 69
Dimensione:   67.5 KB
ID: 18996   Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   numero OM per stati USA.jpg‎
Visite: 70
Dimensione:   95.3 KB
ID: 19001   Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   percentuale  di OM in USA.jpg‎
Visite: 64
Dimensione:   125.1 KB
ID: 19002   Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   numero OM x country.jpg‎
Visite: 57
Dimensione:   70.1 KB
ID: 19003   Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   percentuale OM per paese.jpg‎
Visite: 58
Dimensione:   83.6 KB
ID: 19004  

__________________
I4ZSQ Silvano
i4zsq non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 27-04-19, 22:46   #5
i4zsq
Senior Member
 
L'avatar di i4zsq
 
Registrato dal: Oct 2008
ubicazione: Bologna per lo più... ogni tanto portatile SP8-Polonia .
Messaggi: 5,114
Re: E noi in quanti siamo...?

Anche dalla Germania arrivano notizie poco rassicuranti sul futuro del radiamtismo... A quanto pare il problema è universale, USA a parte...
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   germany.JPG‎
Visite: 53
Dimensione:   118.7 KB
ID: 19005  
__________________
I4ZSQ Silvano
i4zsq non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 28-04-19, 04:01   #6
i4zsq
Senior Member
 
L'avatar di i4zsq
 
Registrato dal: Oct 2008
ubicazione: Bologna per lo più... ogni tanto portatile SP8-Polonia .
Messaggi: 5,114
Cool Re: E noi in quanti siamo...?

L'unico 'studio' approfondito sulla attività dei radioamatori lo ho trovato in questo sito svedese:
http://www.esr.se/phocadownload/emc/..._in_Sweden.pdf
E' stato commissionato dallo Swedish Post and Telecom Authority (PTS) and the National Electrical Safety Board e viene posto in rilievo la possibilità di un inquinamento elettromagnetico da parte delle stazioni pù attive.

Per i radioamatori australiani a quanto pare la crisi esistenziale è ancora lontana, almeno stando a quanto compare nel documento in allegato, che risale al 2015. 73'
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   AmateurNumbers australia.jpg‎
Visite: 66
Dimensione:   49.8 KB
ID: 19006  
__________________
I4ZSQ Silvano

Ultima modifica di i4zsq; 28-04-19 a 04:07
i4zsq non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 28-04-19, 10:26   #7
IZ0IEN
Moderator
 
L'avatar di IZ0IEN
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Frosinone JN61sp
Messaggi: 1,694
Re: E noi in quanti siamo...?

Quote:
Originariamente inviata da i4zsq Visualizza il messaggio

Per i radioamatori australiani a quanto pare la crisi esistenziale è ancora lontana, almeno stando a quanto compare nel documento in allegato, che risale al 2015. 73'
L'australia è cellular free in quanto antieconomico coprire i grandi spazi deserti, come del resto l'africa. Li ci saranno radioamatori in eterno. Ma non perchè gli piaccia la radio, ma per necessità.
Certo che se poi un africano di uno stato interessante comincia a vedere che fa un 100 dollari/mese con le contribution per le QSL se è attivo in top band (e se glieli fanno arrivare...) il discorso cambia. In africa 100 dollari/mese fanno la differenza tra la sopravvivenza e una vita decorosa.
__________________
Cris IZ0IEN
http://www.technecom.it
Founder of FOC - Frigo Operators Club
Member of SOC - Second Operator Class
Orgoglioso cultore del CW a correzione d'errore.
IZ0IEN non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 28-04-19, 11:40   #8
IZ5CML
Moderator
 
L'avatar di IZ5CML
 
Registrato dal: Aug 2007
ubicazione: Empoli, JN53LR
Messaggi: 4,368
Re: E noi in quanti siamo...?

Credo che la chiave, sarebbe capire il numero di OM attivi, in qualche modo, più che delle licenze.
Ci sono paesi che hanno tantissime licenze, come l'Indonesia, ma sono licenze usate per fare altre cose che non il radiantismo, decenni fa, adesso.. lo stesso, in qualche modo, si applica anche al Giappone.

Detto questo, vedere la curva delle licenze americane, USA, salire negli ultimi anni, fa senza dubbio piacere.
__________________
DX ! What else !?
IZ5CML non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 28-04-19, 21:43   #9
iz7cdb
Senior Member
 
L'avatar di iz7cdb
 
Registrato dal: Oct 2007
ubicazione: Monopoli (BA)
Messaggi: 294
Re: E noi in quanti siamo...?

Poniamoci una domanda:
Perchè nel 2019 un ventenne dovrebbe fare il radioamatore?
Per fare FT8? per il diplomino in 40m? per la ruota over 70 in 80m? per il contest del quartiere (con tutto il rispetto per chi fa queste attività)
I grafici non mentono, oggi la radio non è più interessante come in altri periodi e non è unicamente un problema di macchie solari.
__________________
73 de Carlo iz7cdb
iz7cdb non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 29-04-19, 06:19   #10
i4zsq
Senior Member
 
L'avatar di i4zsq
 
Registrato dal: Oct 2008
ubicazione: Bologna per lo più... ogni tanto portatile SP8-Polonia .
Messaggi: 5,114
Cool Re: E noi in quanti siamo...?

Quote:
Originariamente inviata da iz7cdb Visualizza il messaggio
Poniamoci una domanda:
Perchè nel 2019 un ventenne dovrebbe fare il radioamatore?
Per fare FT8? per il diplomino in 40m? per la ruota over 70 in 80m? per il contest del quartiere (con tutto il rispetto per chi fa queste attività)
I grafici non mentono, oggi la radio non è più interessante come in altri periodi e non è unicamente un problema di macchie solari.
Non volevo addentrarmi nel gioco dei perchè, ma una pur breve risposta mi sento di dartela... Forse ( e dico 'forse' ) il problema è che i radioamatori veri non esistono più ( salvo rare eccezioni ). Oggi la radio la si usa senza conoscerla se non superficialmente, ci si gioca per passare il tempo facendo chiacchiere di poco conto o per tentare di affermarsi superando altri radioamatori nelle classifiche del DXCC. Quando la propagazione scarseggia si preferisce giocare con il PC o con uno dei tanti giochi di ruolo che tanto appassionano i ragazzi ammalati di iphone. La radio oggi si acquista nei negozi specializzati o in internet, chiedendo sempre se esiste un centro assistenza in grado di eseguire riparazioni e mettere su una stazione radio efficente oggi può anche costare una pazzia e non vedo come la cosa possa attirare un ventenne... e questa è solo la punta dell' iceberg. 73'
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   troppe idee ma confuse.jpg‎
Visite: 24
Dimensione:   25.8 KB
ID: 19011  
__________________
I4ZSQ Silvano
i4zsq non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 29-04-19, 09:35   #11
IN3ZNR
Moderator
 
L'avatar di IN3ZNR
 
Registrato dal: Aug 2008
Messaggi: 1,905
Re: E noi in quanti siamo...?

Credo che non sia necessario un trattato di sociologia o uno studio accurato sull'argomento della "decrescita infelice" del nostro numero. Sono anche convinto che "non sono quelli che non ci interessano" a lasciare. Non mi considero tra la "meglio gioventù" (gioventù...HI !!) del radiantismo. Forse quella l'abbiamo persa da un bel po'.

Le cause principali sono quelle crudemente evidenziate da CDB e filosoficamente indicate da ZSQ. Mi sono impegnato qualche tempo fa, in una discussione /polemica sulla rete del club CDXA al quale appartengo in USA. Ho fatto presente che attirare i ragazzi (potenziali OM) con le applicazioni/comunicazioni "all digital" che vengono sponsorizzate in USA come la nuova frontiera, non sarebbe per niente la panacea. Spiegavo all'uditorio "proponiamo un sistema di comunicazione che i ragazzi hanno già implementato in tutti i loro device, e che usano stabilmente ogni minuto". Questo senza sobbarcarsi la fatica di conseguire una licenza e l'impegno economico di allestire uno shack e un sistema radiante decente. La maggioranza mi ha detto che "the future is now" e che sono rimasto fermo, mentre il mondo avanza e mi lascia indietro.

Quindi a questo punto sapete cosa faccio? Mi siedo qui e aspetto. Lascio strada a quelli che stanno andando avanti con i loro algoritmi e i loro RR-73.
E si vedrà

73! Brix
IN3ZNR WH0Q
IN3ZNR non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 29-04-19, 16:43   #12
IZ5CML
Moderator
 
L'avatar di IZ5CML
 
Registrato dal: Aug 2007
ubicazione: Empoli, JN53LR
Messaggi: 4,368
Re: E noi in quanti siamo...?

Analizzare la grande massa di dati numeri, non è una cosa semplice, e chiunque provi a farlo dal "basso" della sua sedia nello shack, NON può per tante ragioni non influenzare l'analisi con il proprio punto di vista sulla cosa ed il proprio sentimento in quel momento, me compreso naturalmente !

Il mio punto di vista è questo.
Che la tecnologia spiccia, in uso normalmente ai "consumer" ha soppiantato la radio, non è cosa recente, non c'entra Facebook e non c'entra Internet, ma bisogna andare indietro nel tempo almeno 25-30 anni, in alcune "società" anche di più...

Non mi pare che il radiantismo si sia estinto in questa fascia di tempo, non solo, il momento "d'oro", migliore per Dx e Contest in HF, visto che poi tra noi in questa discussione siamo quasi tutti amanti di quel tipo di attività, è qualcosa di molto recente, diciamo degli ultimi 20-25 anni, spedizioni più importanti, più qso, record macinati quasi ad ogni contest (anche ora con il grande minimo solare...), numero di partecipanti in costante aumento etc. etc.

E' un aneddoto che ripeto spesso, ma credo che centri molto il problema, quando entrai per la prima volta in una sezione Ari, metà anni 90, praticamente mi fu detto che la radio agonizzava, che ormai i computer e l'appena arrivato internet ed i telefonini avrebbero soppiantato tutto etc. etc. beh, insomma, dopo 25 anni siamo ancora qua..


Ora, lasciamo un attimo il nostro punto vista, pensiamo di parlare ad un amico che OM non è, che ci chiede "Ma esistono ancora i radioamatori..?" e rispondere "eh.. si, ma siamo rimasti in 4 gatti, in forte crisi, MA, durante un finesettimana di contest, di gara, si possono contattare con pochissimo sforzo radioamatori attivi da 120-130 paesi differenti..." oppure, se volete, senza contest, 230-250 paesi in un anno solare..
Il nostro amico, chiunque, ci risponderebbe "alla faccia che siete in pochi !!!", ed avrebbe ragione.

Cosa dovrebbe attrarre un giovane ? Tutto quello che normalmente non vive, l'analogico !!
E vi posso assicurare che, se opportunamente presentato, ciò affascina molti "millenials", non a caso nelle varie attività YOTA, che con grande successo (ma pochissima copertura "mediatica" in ambito Ham... tutti presi o dalla "ciallenge" o dal piangersi addosso...a scelta) stanno reclutando nuove leve un pò ovunque, c'è molto poco digitale ma molto analogico, molto fattore umano, gruppo, divertimento, lavoro manuale nel setup di antenne e stazioni.
Su questo non posso che concordare con Brix, e per fortuna che la CDC li come si chiama, non si occupa di YOTA, meglio così...

E cmq, non sarebbe male chiedere a qualche Young, ce ne sono decine dello YOTA italiani, come mai "perde tempo" davanti ad una radio, invece di rimbecillirsi su Facebook o Tik Tok...

Mi pare chiarò, certo, che nei prossimi anni e decenni, si andrà verso un calo di licenza di OM in tutti i paesi, vedremo come questo influenzerà l'attività radio, va detto, che da sempre, il numero
delle licenze di radioamatori in un determinato luogo, paese, regione, zona, città, rispetto agli OM DAVVERO attivi in qualche modalità (Dx, Contest, Hf, Vhf, Satellite, Eme etc. etc. etc.), che accendevano
la radio in maniera regolare, sono SEMPRE stati una percentuale bassissima, con picchi anche dell'1%.... licenze prese perchè andava di moda, perchè lo facevano in tanti, per usare il palmarino a caccia,
per usare il v/uhf in mobile per scopi non radioamatoriali e tanto altro non ham...
Non piangerò quelle licenze.

Ci sono hobby mooolto più settoriali ed elitari del nostro che sopravvivono da secoli, anzi, spesso il troppo aprirsi ed annacquarsi fa perdere del tutto i punti di riferimento, chi siamo dove andiamo ?

Personalmente, per concludere, temo molto più i radioamatori che si piangono addosso, e quelli che vorrebbero "digitalizzare" tutto per credere e sentirsi più attuali, che il futuro ed il numero delle licenze in calo... l'ho detto.
__________________
DX ! What else !?
IZ5CML non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 29-04-19, 18:31   #13
IZ2ESV
Junior Member
 
L'avatar di IZ2ESV
 
Registrato dal: Apr 2019
ubicazione: Como
Messaggi: 8
Re: E noi in quanti siamo...?

Ciao a tutti,

è un tema sicuramente interessante e di grande attualità. Alle vostre puntuali riflessioni aggiungerei un dato squisitamente sociologico: chi avverte il cambiamento è inevitabilmente "pessimista". E visto che abbiamo vissuto - tecnologicamente parlando - gli ultimi vent'anni all'insegna di un cambiamento radicale e repentino dello strumento tecnico a tutti i livelli, ci ritroviamo ad analizzare il presente con la nostalgia di un tempo perduto che riteniamo inevitabilmente migliore.

E' un po' la filosofia del "si stava bene quando si stava peggio": non avevamo tutte le potenzialità offerte dal progresso tecnologico, certo, ma quanto "calde" e "vive" non erano le bande quando le radio costavano tre stipendi e avere una yagi tribanda era un privilegio raro?

Ci sono sicuramente dei dati tendenziali; io credo che l'Italia sia in netto trend con il resto dei Paesi radioamatorialmente evoluti, con un sostanziale calo delle nuove licenze. Anche se, mi sembra, la serie IU è già abbondantemente oltre la lettera "E"...

Questo calo è sicuramente imputabile ad un generalizzato disinteresse verso la radio; comunicare è un atto semplice e pressoché gratuito e la "sorpresa" di conoscere qualcuno dall'altra parte del mondo è facilmente ottenibile per mezzo di un social network. Non è a queste motivazioni che noi radioamatori dobbiamo mirare per rivitalizzare la nostra attività.

Personalmente, grazie all'attività radiantistica ho tratto enorme beneficio per la mia conoscenza della lingua inglese: per anni, QSO quotidiani con stazioni da tutto il mondo mi hanno permesso di fare pratica a costo zero, aggiungendo le variabili legate alla propagazione e al mezzo tecnico, con grandissimo divertimento. Se dovessi consigliare ad un ragazzo di diventare OM, gli direi proprio questo. E sappiamo tutti quanto importante oggi sia mettere in fila qualche frase in inglese, soprattutto per chi si avvicina al mondo del lavoro.

C'è poi un altro aspetto, su cui noi italiani siamo particolarmente sensibili, che è l'aspetto aggregativo: YOTA, contest, SES, ISS nelle scuole... qualcosa diventa bello e attraente se viene condiviso (ne basterebbero un paio alla volta che decidono di prendere la patente) e diventa un veicolo di aggregazione positiva. Qualcuno ha ricordato le sezioni ARI degli anni 90: ecco, nel 1995 mi sono iscritto al Radio Club ma non posso certo dire di avere trovato un ambiente particolarmente accogliente o stimolante. Anzi, per certi OT ero solo l'ennesimo "CB" che voleva un call da SWL per tenere a casa un apparato per le decametriche...

Oggi non c'è nemmeno più la palestra della 27. Ma credo che questa sia un'opportunità, più che una debolezza: perché ci consente di trasmettere sin da subito un insieme di valori, di pratiche, di conoscenze, che attengono al nostro mondo. Come dicevano i latini, i neofiti oggi sono come una tabula dealbata; ci vuole solo la pazienza di saperli coinvolgere e di condividere dei valori che alla fine sono semplici e fondanti. Quando io "racconto" che cosa fanno i radioamatori, c'è sempre stupore e tanta curiosità nei miei interlocutori, significa che qualcosa, nell'immaginario collettivo, c'è.

Credo che Radioamatori ce ne saranno sempre; non c'è fame di frequenze (almeno nelle HF!) e credo che ci verranno lasciati spazi e prerogative a lungo, per cui rimarremo sempre tutelati dalle amministrazioni. A meno che non si debba salvare la Terra da un attacco alieno e allora ogni shack diventa trincea... Credo anche che - nel calo generalizzato di nuove licenze - molti giovani si avvicineranno al nostro mondo per curiosità, come sono tantissimi i ragazzi che si riavvicinano al mondo degli HI-FI, dei dischi in vinile, del modernariato, delle corse in bicicletta vintage, di barba e baffi ottocenteschi.

E' forse illusorio pensare che si possano avvicinare a noi per una questione di... moda. Ma in una società dove conta sempre di più il come si è, dimostrare che si può essere "cool" per quel che si fa può essere una potenziale chiave di lettura futura.

Tony, ESV
__________________
Tony - IZ2ESV
tony.delonghi [at] gmail.com


Non bisogna mai smettere di avere fiducia negli uomini, direttore. Il giorno che accadrà sarà un giorno sbagliato.
IZ2ESV non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 30-04-19, 08:50   #14
IW0HEX
Senior Member
 
Registrato dal: Aug 2010
Messaggi: 68
Re: E noi in quanti siamo...?

Quote:
Originariamente inviata da iz7cdb Visualizza il messaggio
Poniamoci una domanda:
Perchè nel 2019 un ventenne dovrebbe fare il radioamatore?
Per fare FT8? per il diplomino in 40m? per la ruota over 70 in 80m? per il contest del quartiere (con tutto il rispetto per chi fa queste attività)
I grafici non mentono, oggi la radio non è più interessante come in altri periodi e non è unicamente un problema di macchie solari.
A me fa tristezza leggere che un radioamatore si pone questa domanda. Io a mia nipote, oggi 20enne, ai suoi amici, ai parenti, a tutti coloro che mi chiedono "cosa vuol dire essere radioamatore" trasmetto la mia passione, il mio entusiasmo, la mia energia. Essere radioamatori non è solo premere il PTT e trasmettere, è qualcosa di più profondo : è curiosità verso le cose, è conoscenza, è voglia di sapere, di sperimentare, di approfondire le cose. Io lo dico sempre ai miei interlocutori : un radioamatore è colui che abbraccia numerose discipline, dall'elettronica alle comunicazioni, dalla geografia alla storia, dall'astronomia all'informatica. Ora ditemi voi se esiste una passione così radicata che abbraccia così tanti campi del sapere. Questo vuol dire essere radioamatori. Ed è per questo che ha senso che un 20enne si appassioni alla radio, deve solo incontrare qualcuno sulla sua strada che gli accenda la scintilla della curiosità verso il nostro mondo.

Saluti
IW0HEX non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 30-04-19, 09:51   #15
i3mu
Senior Member
 
L'avatar di i3mu
 
Registrato dal: Jan 2008
ubicazione: Carrè (Vicenza)
Messaggi: 141
Re: E noi in quanti siamo...?

Quote:
Originariamente inviata da IN3ZNR Visualizza il messaggio
Quindi a questo punto sapete cosa faccio? Mi siedo qui e aspetto. Lascio strada a quelli che stanno andando avanti con i loro algoritmi e i loro RR-73.
E si vedrà

73! Brix
IN3ZNR WH0Q
Eccone qui un altro, io mi affaccio sul poggiolo è guardo, da spettatore asettico, sfilare una popolazione confusa.
Se volessi fare una analisi psicosociologica degli avvenimenti sarebbe un discorso lungo e tedioso, quindi mi astengo.

Ho le mie idee: che i radioamatori siano in diminuzione o che masse sempre più numerose facciano prevalentemente FT8 per prendere il diploma x,y,z

non lo ritengo un evento negativo, anzi pulire il garage ogni tanto e portare tutto in discarica è salutare.

La natura lo fa continuamente e si chiama selezione naturale.

un saluto da Sergio
________________

I3MU KI3MU
i3mu non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 25-05-19, 10:41   #16
iw1ayd
Member
 
L'avatar di iw1ayd
 
Registrato dal: Jun 2008
Messaggi: 42
Smile Re: E noi in quanti siamo...?

Mi sembra logico l'uso di un aforisma. Che non va in una sola direzione e che non ha significati letterali, ma ben di piú.

Un essere umano deve essere in grado di cambiare un pannolino, pianificare un'invasione, macellare un maiale, guidare una nave, progettare un edificio, scrivere un sonetto, tenere la contabilità, costruire un muro, aggiustare un osso rotto, confortare i moribondi, prendere ordini, dare ordini, collaborare, agire da solo, risolvere equazioni, analizzare un problema nuovo, raccogliere il letame, programmare un computer, cucinare un pasto saporito, battersi con efficienza, morire valorosamente. La specializzazione va bene per gli insetti.

Robert A. Heinlein

73 de iw1ayd Salvo
iw1ayd non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 25-05-19, 11:40   #17
i4zsq
Senior Member
 
L'avatar di i4zsq
 
Registrato dal: Oct 2008
ubicazione: Bologna per lo più... ogni tanto portatile SP8-Polonia .
Messaggi: 5,114
Smile Re: E noi in quanti siamo...?

Quote:
Originariamente inviata da iw1ayd Visualizza il messaggio
Mi sembra logico l'uso di un aforisma. Che non va in una sola direzione e che non ha significati letterali, ma ben di piú.

Un essere umano deve essere in grado di cambiare un pannolino, pianificare un'invasione, macellare un maiale, guidare una nave, progettare un edificio, scrivere un sonetto, tenere la contabilità, costruire un muro, aggiustare un osso rotto, confortare i moribondi, prendere ordini, dare ordini, collaborare, agire da solo, risolvere equazioni, analizzare un problema nuovo, raccogliere il letame, programmare un computer, cucinare un pasto saporito, battersi con efficienza, morire valorosamente. La specializzazione va bene per gli insetti.

Robert A. Heinlein

73 de iw1ayd Salvo
programma ambizioso ma incompleto... Robert ha dimenticato ' Riprodursi'.
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   PAROLE.jpg‎
Visite: 14
Dimensione:   129.6 KB
ID: 19098  
__________________
I4ZSQ Silvano
i4zsq non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 25-05-19, 13:26   #18
iw1ayd
Member
 
L'avatar di iw1ayd
 
Registrato dal: Jun 2008
Messaggi: 42
Re: E noi in quanti siamo...?

Non mi pare incompleto, saper cambiare un pannolino individua aver cura della propria prole. Ma non solo, per vicinanza di termini, pannolino e pannolone, anche di altri. Son solo termini, la sostanza delle azioni significa ben di più.

Poi, in itinere, non c'è nemmeno scritto che si conoscano Bessel, Fourier o Shannon ... non ci può essere scritto tutto di tutto, ma da il senso della completezza e della preparazione verso quel che non si conosce direttamente. Non del frutto delle azioni in momento qualsiasi. È un aforisma, non un libro scritto per sembrare vero o intrattenere a lungo: migliaia di anni. Non serve per tutto, ma serve anche per quel che traspare, aleggia e indica sommessamente, sia in negativo che in positivo. La ragione della forza e della pervicacia nella specializzazione, contro la forza della ragione nel perseguire intenti più vasti, meno specializzati.

73 de iw1ayd Salvo
iw1ayd non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 25-05-19, 17:25   #19
i4zsq
Senior Member
 
L'avatar di i4zsq
 
Registrato dal: Oct 2008
ubicazione: Bologna per lo più... ogni tanto portatile SP8-Polonia .
Messaggi: 5,114
Red face Re: E noi in quanti siamo...?

Quote:
Originariamente inviata da iw1ayd Visualizza il messaggio
Non mi pare incompleto, saper cambiare un pannolino individua aver cura della propria prole. Ma non solo, per vicinanza di termini, pannolino e pannolone, anche di altri. Son solo termini, la sostanza delle azioni significa ben di più.

Poi, in itinere, non c'è nemmeno scritto che si conoscano Bessel, Fourier o Shannon ... non ci può essere scritto tutto di tutto, ma da il senso della completezza e della preparazione verso quel che non si conosce direttamente. Non del frutto delle azioni in momento qualsiasi. È un aforisma, non un libro scritto per sembrare vero o intrattenere a lungo: migliaia di anni. Non serve per tutto, ma serve anche per quel che traspare, aleggia e indica sommessamente, sia in negativo che in positivo. La ragione della forza e della pervicacia nella specializzazione, contro la forza della ragione nel perseguire intenti più vasti, meno specializzati.

73 de iw1ayd Salvo
Adesso mi toccherà leggere almeno tre volte per capire tutti i contenuti... poi vedrò se sarò in grado di abbozzare una risposta decente... 73'
Icone allegate
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   ogni tanto.jpg‎
Visite: 12
Dimensione:   126.8 KB
ID: 19099  
__________________
I4ZSQ Silvano
i4zsq non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 25-05-19, 17:57   #20
IZ1VVA
Senior Member
 
L'avatar di IZ1VVA
 
Registrato dal: Feb 2011
ubicazione: Liguria - Italy
Messaggi: 146
Re: E noi in quanti siamo...?

Ciao a tutti.

Salvo, Heinlein era lo scrittore preferito di mio papà. Qualcosa ho letto anch'io, pescando da librerie intere di Urania e altri romanzi. Ricordi "La Città degli Aztechi?" La dea Coatlicue che girava di notte... Favoloso
Ci sono scrittori di fantascienza che puoi chiamare futurologi e qualcuno anche filosofi.

Parlando di "quanti siamo" in base a percezioni, senza avere dati alla mano, mi vengono in mente diverse persone che hanno la patente perchè lavorano o sono volontari in protezione civile o associazioni. Per loro la radio è un mezzo. E non c'è niente di male. Senza dilungarmi nei soliti discorsi, per noi non è così, ognuno a modo suo.

Per esperienza personale, credo che la fiamma di questa passione si accenda da piccoli. Nel 1978 ero appena entrato negli scout. La prima notte che ho dormito fuori (e poi non ho dormito) era in occasione del JOTA. Nella palestra gli OM di Melegnano avevano allestito una stazione con diversi tavoli disposti a ferro di cavallo, con radio che non ricordo perchè ancora non le conoscevo.
Ricordo solo una verticale che era lì tutto l'anno e una tre elementi montata solo per lo JOTA. Ah ah... ricordo che mi chiedevo da che lato irradiasse. Noi scoutini avevamo il sacco a pelo sul tatami di judo (dove poi m'han fatto tirare tante di quelle schienate...). La sera si sono spente le luci per consentire di dormire a chi ci riusciva. L'atmosfera era magica, la sola luce delle radio, il rumore di fondo rotto dalle voci prima incomprensibili in banda laterale e poi con quell'audio caldo e corposo dei valvolari. Il "CQ de" in CW che tutt' ora è l'unica cosa che capisco
In tutto il mondo c'era solo l'appuntamento ricordato con le riviste e i giornalini di ogni nazione. Niente internet, niente cluster, mi era sembrato veramente di poter lanciare una bottiglia in mare, una lenza nell'oceano. Là fuori era pieno di ragazzini come noi, di giorno o di notte, alle spalle di un OM che ci avrebbe fatto parlare con loro. Messaggi in bottiglie che vengono raccolte. Paese a sorpresa. E anche quello che poi avrei imparato si chiama pile-up.
Da lì credo sia storia comune a molti, ho sfinito mia papà fino ad avere un CTE per la 27 con le bande laterali. A nutrire la passione anche se non avevo soldi, ci ha pensato un CB/45metrista che andavo a trovare per vederlo chiamare con un Sommerkamp FT250 (o 200?) e un FT-7B che ho avuto poi in eredità. Ho preso la patente che ero già "grandicello", nel 2011 e come ognuno, vivo il radiantismo a modo mio. Dopo il ricevitore da SWL ho comprato prima il miniVNA, ed ho ancora la mia prima radio che è l' 817 vendutomi da Paolo IZ4EWH.
Vi devo confessare una cosa, anche se qualcuno inorridirà: a me piace il minimo del ciclo, con quelle improvvise aperture che mi regalano IL mio QSO in portatile che mi fa scendere a valle soddisfatto (la poor man loading coil funzionaaaaaa...)
Le bande deserte sono tornate ad essere l'oceano in cui butto la bottiglia, con l'aspettativa e il diritto di riavvolgere la mia trentina di metri di filo e tornare a valle con le pive nel sacco, da una camminata sui Peloritani, per tornare il giorno dopo in bici invece che a piedi ed essere tirato fuori da HB9LCW in trasferta in trentino. Sono d'accordo con quello che ha scritto I5NSR in un altro thread sulla propagazione.
A me piace così.
Però se qualcuno vuole gettare un semino di radiantismo fra le nuove leve, ricordatevi del Jamboree dell'Aria quest'anno.


http://www.lulu.com/spotlight/CQ_Jamboree

La QSL del JOTA 1978
Click the image to open in full size.

Buona serata

Riccardo




Quote:
Originariamente inviata da iw1ayd Visualizza il messaggio
Mi sembra logico l'uso di un aforisma. Che non va in una sola direzione e che non ha significati letterali, ma ben di piú.

Un essere umano deve essere in grado di cambiare un pannolino, pianificare un'invasione, macellare un maiale, guidare una nave, progettare un edificio, scrivere un sonetto, tenere la contabilità, costruire un muro, aggiustare un osso rotto, confortare i moribondi, prendere ordini, dare ordini, collaborare, agire da solo, risolvere equazioni, analizzare un problema nuovo, raccogliere il letame, programmare un computer, cucinare un pasto saporito, battersi con efficienza, morire valorosamente. La specializzazione va bene per gli insetti.

Robert A. Heinlein

73 de iw1ayd Salvo
IZ1VVA non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 25-05-19, 19:25   #21
i4mfa
Senior Member
 
L'avatar di i4mfa
 
Registrato dal: Feb 2017
ubicazione: JN54rr
Messaggi: 452
Re: E noi in quanti siamo...?

Beh, Silvano inizia dicendo che gli interessa leggere i nostri pareri, quindi ritengo non far dispetto a nessuno scrivendo il mio.

Siamo ancora tanti, plausibilmente lo 0,05% della popolazione, lo dimostra anche questa discussione.

Come ho avuto modo di dire pubblicamente, ritengo che l'interesse per diventare uno scienziato (questo E' il radioamatore) stimoli oggi come sempre la popolazione: pochi giorni orsono il muratore che ho chiamato per lavori a casa mia si e' interessato moltissimo (avendo visto la quad) al radiantismo; poi ho capito il perche': lui spiega alla nipotina come e quando si monta la benna o la pala nel buldozer per fare gli scavi... e' uno scienziato, muratore come lavoro, scienziato come modo di vivere.

Vero e' che la societa', in alcuni periodi storici, rende disponibili tecnologie e regolamentazioni ad un utilizzo non prettamente in linea con lo spirito delle suddette tecnologie e regolamentazioni. Pertanto, se in particolari momenti storici il citato 0,05% era 0,1%, se oggi e' lo 0,07%, consideriamo il fatto che qualcuno abbia utilizzato, o stia utilizzando, la radio per scopi differenti: un australiano come fosse un telefonino, il radio network manager (non chiamiamolo il capitano della ruota sul canale 5) come un social network, il volontario della assistenza come mezzo per coordinarla, il futuro proprietario di un Applung (noto brand di smartphone che costano il triplo senza nulla di piu' degli altri se non il fatto che averli fa figo) come mezzo per stupire gli amici... chi piu' ne ha piu' ne metta.

Personaggi negativi? Negativo e positivo (non in elettronica) sono soggettivi; non sono radioamatori, sono radioamatori in quanto hanno superato il relativo esame... per certo hanno dimostrato a quanto serva il radiantismo, ovvero a molto di piu', in certi periodi, di quanto ci si aspettasse quando e' stato regolamentato.

Alla luce di quanto sopra, oscillazioni, od anche drastici cali, sono numeri che e' difficile rapportare al numero di radioamatori intesi come da specifica (ieee? rfc? naaah, ITU) a suo tempo creata.

Una cosa e' certa: se non vedi qualcuno che mette un pannolino, difficile che impari su Youtube a farlo. Continuiamo a postare, ma (mi sembra di averlo letto qui) e' solo con il contatto fisico che si trasmettono gli stimoli (Silvano, ti prego, non aggiungere nulla...) e l'associazionismo e' la base per una ottimale coordinazione di questi sforzi; pertanto andiamo in sezione e creiamo il nostro Youtube Channel in essa, passando digitalmente con le nostre dieci dita il radiantismo a quelli che han conseguito la patente, in modo che essi, montando antenne, stimolino a diventar radioamatori quei muratori che han voglia di insegnare alla nipotina a montare la pala sul buldozer.

Comunque siamo in crescita: 120 anni fa c'erano solo un bolognese, peraltro di madre extracomunitaria mi pare, ed un russo, mentre ad oggi, oltre a me mi pare qui di leggerne una mezza dozzina: +400%.

E, no, IN3ZNR, "the future is now" te lo ha detto uno di quelli che, nessun radioamatore nel 1975 diceva ad un russo in AM quella frase, utilizzata solo oggi in un mercato consumistico per vendere telefonini e macchine da fighetto.

E IZ1VVA, parli di scout, aggiungi "a me piace il minimo del ciclo, con quelle improvvise aperture", stavo pensando: ho trovato la mia anima gemella, lo sposo... poi per fortuna (tua - sta' buono Sil, l'ho gia' scritto io tua!) hai aggiunto che leggi uno che afferma "La specializzazione va bene per gli insetti" e son tornato sui miei passi: ben venga invece - imho - la specializzazione, significa essere scienziati, approfondire un argomento per il quale si e' portati... Marconi non ne sapeva mezza di chirurgia cardiaca e non mi pare che Barnard fosse un radioamatore.
(Comunque Riccardo tienimi presente per attivita' su tutto quanto scrivi, le condivido molto)

Quindi, a coloro che pensano che i radioamatori siano pochi, dico portate quelli che conoscete - voi in primis - in sezione... cosi' ci andro' piu' spesso anche io, anche io peccatore) e vedrete che siamo tanti(ni).
A coloro che vedono il numero di licenze in calo, segnalo un incremento delle connessioni internet, delle vendite di cellulari high-end e di suv sfiziosi, su cui forse si focalizzano in questo periodo storico quelle differenze numeriche.

Mannaggia se son logorroico!
__________________
Marco, i4mfa w4mfa
https://www.qrz.com/db/I4MFA/
i4mfa non  è collegato   Rispondi quotando
Vecchio 26-05-19, 12:51   #22
iw1ayd
Member
 
L'avatar di iw1ayd
 
Registrato dal: Jun 2008
Messaggi: 42
Re: E noi in quanti siamo...?

Riso abundat in ore stultorum.

~/

Di Heinlein, preferisco i suoi romanzi di un suo periodo successivo. Quello più pragmatico direi. Restano sempre Anni senza fine e Isole nello spazio, di altri autori.

~/

È male essere specializzati, come costruire muri e non è di certo indolore per chi lo è. Sia costruttore che specializzato: restano chiusi nel loro dentro.


73 de i1ayd
iw1ayd non  è collegato   Rispondi quotando
Rispondi

Segnalibri

Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato

Salto del forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 10:19.


Powered by vBulletin versione 3.8.6
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana Team: vBulletin-italia.it