hamradioweb.org

 


Go Back   hamradioweb.org > Discussioni / Areas of discussion > Antenne e Supporti

Notices

Antenne e Supporti Area di discussione su tutto ciò che riguarda le antenne e i relativi supporti: dalla autocostruzione, alla teoria di funzionamento, ai vari softwares di modellazione etc. Qui trovate anche i tutorials realizzati in flash in lingua italiana sul noto software di modellazione antenne. Quesiti, discussioni, fotografie, normative relative ai supporti meccanici delle antenne ad uso dei radioamatori.

Reply
 
Thread Tools Search this Thread
Old 25-05-19, 13:55   #1
IK7JWY
Senior Member
 
IK7JWY's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Location: Alezio-LE-
Posts: 4,498
Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Eccellente iniziativa. Non potevo non citarla direttamente qui:



Buona visione !
IK7JWY non  è collegato   Reply With Quote
Old 25-05-19, 16:19   #2
IK4AUY
Senior Member
 
IK4AUY's Avatar
 
Join Date: Jul 2012
Location: Bologna - Italy
Posts: 243
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Ben fatto e complimenti a Claudio I4LEC
mi è piaciuta, tra l'altro, la definizione data assieme all' ing. Gianluca Mazzini IK4LZH, l'intervistatore (che anche uno dei 2 vice presidenti dell'associazione organizzatrice del WRTC-2022, nonchè DG di Lepida SPA), del lobo di radiazione di una yagi come un "petalo", sa persino di poetico.

Ne esiste una serie di queste interviste realizzate e online da pochi giorni
tra cui segnalo anche quella dell' ing. Marco Filippi, I4MFA, che qui sul forum leggiamo spesso, sul tema STAZIONI RARE



e di Fabio I4UFH (è l'altro vice presidente dell'associazione WRTC-2022) sui CONTEST

IK4AUY non  è collegato   Reply With Quote
Old 25-05-19, 20:28   #3
i4mfa
Senior Member
 
i4mfa's Avatar
 
Join Date: Feb 2017
Location: JN54rr
Posts: 520
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Sono tutte su Youtube, un FORMAT ideato da Gianluca, e dalla numerazione (oltre che per diretta conoscenza dei fatti) altre sono in arrivo... vero Franco?
Nel frattempo vi informo che assieme a Tony M1C stiamo sponsorizzando una Class Action nei confronti di Claudio I4LEC, colpevole di razzismo antennistico nei confronti delle Delta Loop sanmarinesi e delle Quad emilianoromagnole, affatto citate alla voce Antenne. Pare che anche i neozelandezi si uniranno a questa Class Action per l'evidente americanismo (questa detta proprio da me e' bellissima!!!) dimostrato da Claudio, noto compagno di merende di WA7RAI, risaputo amante della moglie di ZL3MH.
__________________
Marco, i4mfa w4mfa
https://www.qrz.com/db/I4MFA/

Last edited by i4mfa; 26-05-19 at 00:21. Reason: Battutina non guasta... spero!
i4mfa non  è collegato   Reply With Quote
Old 26-05-19, 09:23   #4
i3mu
Senior Member
 
i3mu's Avatar
 
Join Date: Jan 2008
Location: Carrè (Vicenza)
Posts: 168
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Bravo I4LEC, che mi sono goduto anche nel suo intervento al CTU di Montichiari,
buon divulgatore, assolutamente comprensibile. Alcuni concetti non mi vedono perfettamente d'accordo, ma questo è nell'ordine delle cose.

Pur stimando moltissimo I4LEC, tenendo conto che questa non era una "lectio magistralis" mi sono messo di punta per vedere se avesse potuto dire qualcosa di non formalmente corretto.

Ebbene l'ho trovata a minuti 7:30 - 7:40 dove afferma, che l'onda rimbalza si rifrange sulla ionosfera. Ebbene correttamente avrebbe dovuto dire che la ionosfera si comporta si come uno specchio, e quindi l'onda viene riflessa con un angolo di riflessione uguale all'angolo di incidenza ( questo è il motivo per cui si ricerca angoli di radiazione o di lancio più bassi possibili, occhio perchè l'angolo di lancio si misura rispetto al piano orizzontale, mentre l'angolo di incidenza/riflessione sono valutati rispetto alla perpendicolare al piano di riflessione, nel punto di incidenza ).

La rifrazione è invece quando un raggio passa da un mezzo ad un altro aventi densità o velocità di propagazione diversa. Tipico esempio è la matita immersa in un bicchiere d'acqua, guardandola dall'alto si vede la parte immersa come se fosse storta. Oppure ciò che succede in un prisma o nelle lenti, ossia il raggio passa ma devia la direzione.

@Marco non sapevo che eri anche un esperto di gossip

Per tutto il resto lodevole e pregevole iniziativa e trattazione.

Sergio i3MU KI3MU
i3mu non  è collegato   Reply With Quote
Old 26-05-19, 10:59   #5
i4zsq
Senior Member
 
i4zsq's Avatar
 
Join Date: Oct 2008
Location: Bologna per lo più... ogni tanto portatile SP8-Polonia .
Posts: 5,131
Question Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

mmm...

http://www.delprete.ch/skip/rifrazione.pdf
Attached Thumbnails
Click image for larger version

Name:	rifrazione iono.JPG
Views:	37
Size:	83.6 KB
ID:	19101  
__________________
I4ZSQ Silvano
i4zsq non  è collegato   Reply With Quote
Old 26-05-19, 13:19   #6
i3mu
Senior Member
 
i3mu's Avatar
 
Join Date: Jan 2008
Location: Carrè (Vicenza)
Posts: 168
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Quote:
Originally Posted by i4zsq View Post
Silvano cosa fai diventi criptico anche tu come Marco ?
cosa significa: mmm (mumble mumble)

Lo sapete ormai che sono una testa quadra e mi annoio mortalmente a pensare cosa gli altri potrebbero pensare o dire, se non chiaramente espresso.

Ho letto la forbita trattazione di questo DelPrete (svizzero) non mi sembra abbia detto nulla di interessante o non ampiamente conosciuto.
Non ha usato neppure una equazione differenziale, per cui per me è quasi immondizia (non è vero)

Se voglio sapere quale sia la MUF lancio verticalmente degli impulsi o un treno di impulsi (per frequenze fra un min e un max) ed ascolto gli echi, che mi ricascano in testa. Se gli echi ci sono significa che c'è riflessione, quando non ascolto più gli echi significa che l'onda "FORA" la ionosfera e dopo una rifrazione (deviazione di percorso) si perde nello spazio per noi in modo assolutamente infruttuoso)

Questo Del Prete (CH) Parla a riguardo della rifrazione della frequenza critica.

Già dai tempi in cui io scaldavo i banchi della UNI-BO ( a lot of time ago) l'interesse per le HF era terminato. Restavano i satelliti con i loro GHz, con i klystron reflex o i TPO ( che innocete fanciullo sognavo di trovare impiego alla stazione del Fucino) e i ponti radio via tropo da schfosi km 60 medi, salvo eccezioni come tratte su mare, in FDM (Frequency division multiplex) prima del digitale e del TDM (Time division multiplex)

non penso che attualmente abbiano perso tempo ad indagare ulteriormente sulla propagazione ionosferica, per cui penso che le cose imparate siano ancora valide.

Mi manca lavorare in NVIS, ma mai dire mai.

Più il tempo passa più i tarli mi corrodono le cellule grige, per questo motivo assumo dosi massicce di antiparassitari. ( come cioccolato, miele, curcuma e peperoncino)

Vi saluto Sergio i3MU ( sempre con un pizzico di ironia )
i3mu non  è collegato   Reply With Quote
Old 26-05-19, 18:32   #7
i4mfa
Senior Member
 
i4mfa's Avatar
 
Join Date: Feb 2017
Location: JN54rr
Posts: 520
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Ciao Sergio, permettimi di rispondere con competenza sull'argomento.
Laddove segnali "correttamente avrebbe dovuto dire che la ionosfera si comporta si come uno specchio, e quindi l'onda viene riflessa con un angolo di riflessione uguale all'angolo di incidenza", tu fai un errore.

Errore giustificabilissimo!

I modelli classici, a cui LEC si riferisce (quelli di Voacap / Voaprop / Hamradioweb, per capirci), si fondano sulla rifrazione ionosferica; fra le mille citazioni onestamente non ricordavo quella indicata da ZSQ, ma poco importa. (Quella parte del)l'onda EM dal TX verso la ionosfera (che ha un certo angolo di take-off), secondo questi modelli, viene rifratta - sempre piu' man mano che si addentra in uno strato - (finch)e ritorna a terra dall'RX (semplifichiamo con un singolo hop) con un certo angolo di incidenza (la componente statistica di detto angolo - secondo gli studi realizzati - citata da LEC). Ante 1960 (circa), vista la scarsa differenza, per quanto riguarda la geometria della tratta, fra parlare di riflessione e parlare di rifrazione, spesso si usava dire riflessione, in modo improprio.
Click image for larger version

Name:	ManEs3f2.jpg
Views:	20
Size:	9.8 KB
ID:	19102
E' invece riflessione quella della crosta terrestre nel caso di hop multipli.

Differenti sono le perdite date dalla rifrazione ionosferica e dalla riflessione terrestre (secondo i modelli classici).

Sicuramente Claudio ha espresso il concetto meglio di me, che ho dovuto utilizzare parentesi e dimensione caratteri per riuscire a cercare di essere sia preciso che comprensibile... forse.

Inoltre l'angolo a cui arrivano ad RX i segnali dipende dalla ionosfera, e non necessariamente si correla con l'angolo che (quella parte del)l'onda EM proveniente dal TX ha; per essere chiaro, la nostra antenna irradia (per ipotesi) 100 (unita' di misura a tua scelta) a 15 gradi, 100 a 14 gradi, 50 a 13 gradi, 10 a 12 gradi, 2 a 11 gradi, 5 a 10 gradi, 10 a 9 gradi, 5 a 8 gradi, 2 a 7 gradi, 1 a 6 gradi e meno ancora sotto (scusa per i gradi in modo scalare), come LEC segnala; "quel tot che viene sparato a 9 gradi" inzompa in uno strato di ionosfera che lo rifrange verso terra con un angolo di 5 gradi e piomba su RX; gli altri tot fanno pluf (nb: ipotesi di lavoro per spiegare le cose); questo dicono i modelli attuali. (Adesso basta, in quanto semplificare in un post venti pagine di trattazione si scrivono s****ezze... ed io lo sto facendo... pero' in buona fede, per cercare di spiegare in modo sintetico: sono scusato?)

Parlare di rifrazione ha permesso di avere un modello classico maggiormente corretto nonche' gli studi RECENTi ("non penso che attualmente abbiano perso tempo ad indagare ulteriormente sulla propagazione ionosferica, per cui penso che le cose imparate siano ancora valide" quindi non piu' valido da ante 2000 a post 2000), quali ad esempio quelli sul chordal mode e sul ducted mode, per i quali il parlare di rifrazione diventa fondamentale punto di partenza.

Ho ritenuta doverosa la precisazione in quanto credo fermamente, ed in egual modo, in due cose:
  1. io ho la moglie migliore che mai mi potesse capitare
  2. i modelli sulla propagazione ionosferica ancora non sono definiti
E ci credo allo stesso modo!
Cito Frank WS8B "The causes and effects of radio propagation
continue to remain a myster
".

Se riesco quest'autunno cerchero' di pubblicare uno studio sull'argomento.
Nel frattempo, 73s
[e comunque se facessimo come gli americani che semplicemente parlano di curvatura dell'onda em, senza paroloni come riflessione, rifrazione, retta, arco, ecc. saremmo maggiormente precisi ed al riparo da ogni malinteso]
__________________
Marco, i4mfa w4mfa
https://www.qrz.com/db/I4MFA/

Last edited by i4mfa; 26-05-19 at 19:07. Reason: Precisazione
i4mfa non  è collegato   Reply With Quote
Old 26-05-19, 20:06   #8
i3mu
Senior Member
 
i3mu's Avatar
 
Join Date: Jan 2008
Location: Carrè (Vicenza)
Posts: 168
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Marco I4FMA se tu fossi una donna ti darei un bacio in fronte per avemi illuminato ( ma poichè non lo sei mi astengo )

dalle tue prime 10 righe già avevo capito il concetto, poi ti sei incartato.

Non mi vergogno di aver esposto la mia precedente opinione, se non lo avessi fatto non ti avrei stimolato ed ora vivrei nell'ignoranza, ed io odio vivere nell'ignoranza. Ora vedo le cose in modo diverso e sarà anche lo spunto per approfondire l'argomento aggiornandomi, anche se è puramente un esercizio accademico.

Ribadisco altresì che questo non è un simposium sulla riflessione/rifrazione ionosferica, certe precisioni possono intimamente farci godere, ma per un radioamatore dilettante il modello degli strati ionosferici assimilabili ( con approssimazione) ad uno specchio e quindi assimilabili all'ottica è sicuramente più intuitivo piuttosto che un campo elettromagnetico incidente che fa vibrare, eccita gli elettroni liberi che a loro volta diventano sorgenti puntiformi e quindi per effetto di rifrazioni successive il campo EM si incurva e ritorna verso la terra.

Spero di non aver detto un'altra corbelleria, ma poi la luce è descrivibile con il modello di una radiazione elettromagnetica o con il modello corpuscolare ? hanno deciso che razza di bestia è ? forse anche qui sono rimasto indietro.

Vi saluto tutti con simpatia, se ci si parla ci si confronta e si capisce, se non si parla ognuno rimane della sua idea è crede fermamente di essere nel giusto.

Sergio i3MU KI3MU
i3mu non  è collegato   Reply With Quote
Old 26-05-19, 20:53   #9
i4mfa
Senior Member
 
i4mfa's Avatar
 
Join Date: Feb 2017
Location: JN54rr
Posts: 520
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Quote:
Originally Posted by i4mfa View Post
Sicuramente Claudio ha espresso il concetto meglio di me, che ho dovuto utilizzare parentesi e dimensione caratteri per riuscire a cercare di essere sia preciso che comprensibile... forse.
Io sono un ingegnere: mi devo preparare per relazionare, motivo per cui odio i forum dove l'entusiasmo mi spinge a relazionare senza quella preparazione che io voglio mi competa: grazie per aver avuto pieta'...
__________________
Marco, i4mfa w4mfa
https://www.qrz.com/db/I4MFA/
i4mfa non  è collegato   Reply With Quote
Old 27-05-19, 08:33   #10
i3mu
Senior Member
 
i3mu's Avatar
 
Join Date: Jan 2008
Location: Carrè (Vicenza)
Posts: 168
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Quote:
Originally Posted by i4mfa View Post
Io sono un ingegnere: mi devo preparare per relazionare, motivo per cui odio i forum dove l'entusiasmo mi spinge a relazionare senza quella preparazione che io voglio mi competa: grazie per aver avuto pieta'...
No caro nessuna pietà per gli "ingegneri o assimilabili"
suvvia sono ben altre le persone di cui dobbiamo avere pietà e per ben più seri motivi ! ce ne sono a iosa e ben più meritevoli.

Per incasinarmi e incasinare la vita altrui posto questa immagine fortemente esplicativa, sul come un punto B (RX) possa ricevere a migliaia di km un segnale lanciato da A (TX)

E' prevedile è controllabile ?, di certo NO, è solo ipotizzabile. Nessuno sa veramente quale strada il navigatore del nostro campo EM abbia scelto.

Comunque sappiamo, per esperienza che più basso è l'angolo di radiazione, meglio è ( anche qui, si/no, dipende quale sia il mio targhet, che non è sempre la massima distanza raggiungibile) comunque vada mi sentono e da pragmatico, quale sono, sono contento.

Mi piacerebbe veramente assimilare la mi antenna ad un cannone
quantità di carica=potenza in KW, elevazione del cannone=angolo di radiazione e colpire esattamente il tetto della casa del corrispondente desiderato.

Non tutto nella vita è controllabile, di sicuro però ipotizzabile con una teoria che è valida fino a quando una nuova teoria o la completa/modifica oppure la sovverte del tutto.

Anche oggi sono riuscito ad annoiarvi, abbiate pazienza, la vita è fatta anche di cose futili.

Sergio i3MU
Attached Thumbnails
Click image for larger version

Name:	chordal-mode2.jpg
Views:	23
Size:	129.6 KB
ID:	19104  
i3mu non  è collegato   Reply With Quote
Old 27-05-19, 10:58   #11
I2NOY
Senior Member
 
I2NOY's Avatar
 
Join Date: Feb 2019
Location: Milano
Posts: 85
Thumbs up Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Ho rimuginato tutto il WE sulla critica di Sergio alla rifrazione e tu Claudio mi hai survoltato la piccola lampadina (assolutamente ad incandescenza ) che mi si era accesa.
Bravi!
I2NOY non  è collegato   Reply With Quote
Old 27-05-19, 17:08   #12
i3mu
Senior Member
 
i3mu's Avatar
 
Join Date: Jan 2008
Location: Carrè (Vicenza)
Posts: 168
Re: Video su Antenne da LepidaTV - intervista a I4LEC

Mi da fastidio aggiungere ancora un post,
ma non voglio che ci siano fraintendimenti e l'impressione che ci sia una contrapposizione di tesi tra me I3MU e I4LEC Claudio e I4MFA Marco.

Ho, commesso un errore riguardo riflessione vs rifrazione ionosferica
sono stato uno sciocco a partire lancia in resta
Mi è bastato un accenno di I4FMA per capire l'errore
Quindi rettifico e correggo.

Per una descrizione semplice ed intuitiva il modello della riflessione è accettabile per la stragrande maggioranza dei non addetti ai lavori.

Se si desidera una vera comprensione e descrizione del fenomeno bisogna parlare solo e giustamente di rifrazione.
La questione è complessa, la ionosfera non ha una superficie ben definita e liscia, anzi tutt'altro.

Del resto anche ai miei tempi cito:

Corso di Radiotecnica
Lezioni tenute all'Università di Bologna
dal Prof. FRANCESCO VALDONI
a cura dell'Ing. MARCELLO MANDRIOLI
( Pitagora Editrice Bologna) anno 1971

si faceva un po di confusione tra i due termini, del resto si dava amggior enfasi alla propagazione troposferica rispetto a quella ionosferica (di scarsissimo interesse commerciale), vista la sua nota inaffidabilità.

Ma tempo è passato e la conoscenza si affina e per me la conoscenza è eternamente work in progress e quindi con convinzione mi aggiorno.

Grazie Caudio grazie Marco

Sergio i3MU
i3mu non  è collegato   Reply With Quote
Reply

Bookmarks

Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off

Forum Jump


All times are GMT +1. The time now is 14:42.


Powered by vBulletin® Version 3.8.6
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.