annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Presentazione di CT1BOH "There is nothing magic about propagation"

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Presentazione di CT1BOH "There is nothing magic about propagation"

    A questo link trovate le relazioni presentate alla virtual contest university 2021 tenutasi online ieri.

    https://www.contestuniversity.com/course-outline/

    Tra queste, in argomento con questo canale del forum, vi e' quella di CT1BOH dal titolo in oggetto.
    E' una presentazione molto ricca di informazioni piu' o meno gia' note agli intenditori.
    Una buona parte e' dedicata al contributo dato allo studio in tempo reale delle condizioni di propagazione dalle reti di segnalazione e alerting FT8 PSK.
    Alla fine, l'autore auspica l'integrazione di questi dati in tempo reale nelle app online tipo VOACAP o nei vari software in circolazione, per passare dalle predizioni alla conoscenza in tempo reale delle effettive condizioni di propagazione sulle bande HF.
    La cosa tornerebbe utile in occasione dei contest.

    73 de IK7JWY Art
    https://www.qrz.com/db/IK7JWY
    http://www.infinitoteatrodelcosmo.it...rturo-lorenzo/

  • #2
    Bah, avevo visto la presentazione, che dire... non sono così convinto che il flusso di qs.. pardon, di ping in ft8, sia così rappresentativo, non scordiamoci che ci sono gli RBN anche in CW, e spesso segnalano aperture inaspettate o imprevedibili, ma pochissimi le sfruttano, ancora meno le usano per farne letteratura, il problema è sempre quello, volendo ci sono anche i beacon del NCDXF, che non sono tantissimi, ma danno un'idea di massima di cosa possa arrivare, c'è pure un softwarino da diversi anni per monitorarli e farsi un'idea di cosa succeda nelle 24h, Faros mi pare si chiami, io spesso li spotto tante volte ahimè spessissimo in bande completamente deserte, e si ritorna quindi al problema principale, la mancanza di attività radio umana, quindi puoi saperlo quanto vuoi, ma poi la gente deve trasmettere, e molti non ne hanno più nessuna voglia, se non delegando questo ad un pc.

    Un paio di giorni fa ho notato che già di primo mattino i 15m erano aperti con il Nord America secondo RBN, Michele IZ4ZZB si è messo a chiamare in quella direzione, con potenza ed antenne, grandi segnali sugli RBN statuinitensi, addirittura qlc anche in 10m, ma NESSUNO gli è venuto a rispondere, zero qso da quelle zone, eppure ci arrivava fortissimo.

    Esattamente, di cosa vogliamo parlare ?
    Ultima modifica di IZ5CML; 21-05-21, 15:20.
    DX ! What else !?

    Commenta


    • #3
      In effetti, lo studio di CT1BOH è utile per chi fa attività contesting , aiuta a capire come tenere sotto controllo le reali condizioni delle bande. Ma nella vita normale di tutti i giorni, uno giustamente potrebbe fare codesta constatazione: ma se 3/4 della gente è solo in FT8 , hai voglia a monitorare le condizioni reali di banda...
      73 de IK7JWY Art
      https://www.qrz.com/db/IK7JWY
      http://www.infinitoteatrodelcosmo.it...rturo-lorenzo/

      Commenta


      • #4
        Trovo l'approccio di Jose intrigante, surclassa il vecchio concetto di previsione, datato e basato su un numero limitato di dati.

        Oltremodo istruttivo, almeno per me, il «big fish» che trasla in funzione della rotazione terrestre, la latitudine delle isolinee, relative frequenze critiche, il segnale interrotto dopo 1 o 2 salti per via del superamento della MUF nel path interessato, concetti latenti, ma in realtà mai veramente consolidati, Jose li ha rappresentati in modo pratico ed efficace, nel suo stile, onde massimizzarne l'obiettivo, è proprio questa focalizzazione che gli permette di raggiungere traguardi impensabili per i più.

        Lo annovero tra i pensieri differenti, che le bande siano deserte nei modi tradizionali, prescinde dal conoscere in tempo reale la disponibilità di quel path in quel determinato momento e soprattutto saperne il perché.

        73, Claudio

        Commenta


        • #5
          A questo punto ragazzi mi vien da chiedervi se mi odiate o se il titolo e la impaginazione data a Dispense Di Propagazione su RR03/2021 ne ha (a mio avviso si) distrutto la comprensione.
          Trovo l'approccio di Jose intrigante, surclassa il vecchio concetto di previsione...
          ... if we get access to a foF2 map of the world, hopefully correctly implemented, using realtime data from a worldwide ionosonde network, we will get the real actual value of foF2... a forecast model has a probable meaning in the future development of a phenomenon, not on real actual status. If you compare two foF2 maps, following one hour after the other, you may realize the short term true propagation development; and you get actual status too.
          Direi che quello di BOH è il secondo articolo (i manuali non contano) in questo millennio in cui vedete il ray tracing applicato alla propagazione e ciononostante non cogliete un errore di fondo notevole: non è la MUF (peraltro improprio utilizzare una definizione statistica in campo deterministico) di cui possiamo fare le isolinee quanto foF2.

          Spiego (breve, il completo è su DdP): ogni componente di una onda em a frequenza f che impatti un punto della ionosfera avente un dato valore di foF2 con un angolo inferiore a quello "critico" viene rifratta.
          Ne consegue che non esiste la "iso 21MHz" in quanto la rif-lessione (nella situazione sopra descritta) dipende da quanto siamo distanti da quel punto.

          E questo, come da DdP, cambia totalmente l'approccio: "guardi" la "macchia" con foF2 che si avvicina e SAI che ad una certa distanza da te è fruibile in 15M e ad una distanza differente in 12M e "a questo punto" (caso 15 o caso 12) guardi la "macchia più avanti" per capire se e dove puoi arrivare.

          Credevo averlo scritto chiaro... sigh! Devo fare un video su Youtube (hi hi hi) perchè lo sia?

          Ok, adesso oltre a quella dei "30$ per sapere con precisione 30m" quanto è alto il mio traliccio il padrone di casa GIUSTAMENTE (sono io il primo a dirlo, hi) mi censura anche questa.

          Scusate lo sfogo ma... è colpa di LEC!
          Marco, i4mfa w4mfa
          https://www.qrz.com/db/I4MFA/

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da i4mfa Visualizza il messaggio
            A questo punto ragazzi mi vien da chiedervi se mi odiate o se il titolo e la impaginazione data a Dispense Di Propagazione su RR03/2021 ne ha (a mio avviso si) distrutto la comprensione
            Sarebbe una cattiva idea pubblicare qui sul forum queste Dispense , o almeno una loro sintesi ? Io, per esempio, non sono socio ARI quindi non ho la possibilita' di leggerle su RR. Non credo che la pubblicazione altrove a posteriori tolga qualcosa ai soci. Ma , giustamente, vedi tu.
            73 de IK7JWY Art
            https://www.qrz.com/db/IK7JWY
            http://www.infinitoteatrodelcosmo.it...rturo-lorenzo/

            Commenta


            • #7
              Sono serio su questo punto: la richiesta mi riempie d'orgoglio ma soprattutto di felicita', in quanto credo molto nello skill sharing.
              Pertanto proseguo per i dettagli tecnici in via privata
              Marco, i4mfa w4mfa
              https://www.qrz.com/db/I4MFA/

              Commenta


              • #8
                Torno a ripetere, ma se rbn, reverse beacon network, indica da ore un'apertura solida con il nord america, che è uno dei bacini più importanti da un punto di visto radioamatoriale, ma nessuno om da quelle zone si palesa in cw o in ssb, cosa ne possiamo dedurre ?
                E' colpa del ray tracing applicato o meno alla propagazione o della conoscenza della MUF in quel preciso istante ?

                Intanto in 11m, dove a malapena si sa cosa sia l'F2, fanno qso intercontinentali in SSB...

                Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   mourinho_getty.jpg 
Visite: 69 
Dimensione: 47.3 KB 
ID: 111729
                DX ! What else !?

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da IZ5CML Visualizza il messaggio
                  ... cosa ne possiamo dedurre ...
                  Siccome la analisi di BOH partiva da presupposti non corretti, non ho attuato il reverse engineering di quanto da lui presentato, per cui la risposta che ti offro potrebbe non essere corretta: la apertura solida che vedi e' fra W2 e CT mentre tu chiami da I e speri ti ascoltino in W2, col piffero visto che tu non cucchi la nuvoletta a cui solo entro 500Km da CT si accede.
                  Per attuare un primo salto occorre che a 1500Km da te (1250-2000, vedi DdP) ci sia un layer F con foF2 non inferiore a TOT e la ionosfera e' fluida, ragion per cui quello che hai a 1500Km da Bologna non e' (direzione NW) quello che hai a 1500Km da Lisbona.
                  Ripeto, non e' LA risposta plausibile ma UNA risposta plausibile.
                  Ti rimando alla lettura delle dispense citate per una (spero) comprensione.

                  SE SE SE SE ritenete la cosa interessante, preparo -.con calma - un premiere su Youtube e poi ne discutiamo.

                  Marco, i4mfa w4mfa
                  https://www.qrz.com/db/I4MFA/

                  Commenta


                  • #10
                    Come chiunque può constatare accendendo la radio in un qualsiasi giorno, tranne che quando c'è un contest CW e/o fonia, effettivamente il problema della desertificazione delle bande ("border line" come i 10 metri e non solo), perché 3/4 della gente è solo in FT8, esiste.
                    Tuttavia, sono d'accordo con Claudio LEC, a me interessa comunque conoscere il perché, capire, imparare, quindi non tradire il fine principale di questa mia passione , cioè l'autoapprendimento nel campo delle radiocomunicazioni. A prescindere
                    Quindi, ben vengano, assolutamente, e magari qui sul nostro forum, approfondimenti tecnici sul tema.
                    Grazie
                    Ultima modifica di IK7JWY; 23-05-21, 19:08.
                    73 de IK7JWY Art
                    https://www.qrz.com/db/IK7JWY
                    http://www.infinitoteatrodelcosmo.it...rturo-lorenzo/

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da IK7JWY Visualizza il messaggio
                      Come chiunque può constatare accendendo la radio in un qualsiasi giorno, tranne che quando c'è un contest CW e/o fonia, effettivamente il problema della desertificazione delle bande ("border line" come i 10 metri e non solo), perché 3/4 della gente è solo in FT8, esiste.
                      Tuttavia, sono d'accordo con Claudio LEC, a me interessa comunque conoscere il perché, capire, imparare, quindi non tradire il fine principale di questa mia passione , cioè l'autoapprendimento nel campo delle radiocomunicazioni. A prescindere
                      Quindi, ben vengano, assolutamente, e magari qui sul nostro forum, approfondimenti tecnici sul tema.
                      Grazie
                      Si si, sia BEN chiaro, la mia uscita NON è contro approfondimenti di nessun genere, ben venga tutto, sono il primo degli ignoranti ed ho fame di sapere, che i vari modelli propagativi siano ormai superati
                      è chiaro da tempo.
                      Sottolineavo solo il vero problema, tutto umano, della desertificazione delle bande ecco, tutto la.
                      DX ! What else !?

                      Commenta


                      • #12
                        Che poi, a proposito dei modelli propagativi, la teoria che c'è alla base non penso sia superata. Da quanto ho capito dalla relazione di CT1BOH, sarebbero da rendere più aderenti alla realtà riuscendo in qualche modo a inserire i dati in real time che vengono dalle varie reti di alerting oggi esistenti proprio in campo radioamatoriale. Visto che, invece, la rete mondiale "istituzionale" delle ionosonde già era assai rarefatta, con impianti distribuiti solo in alcune zone, e oggi va via via assottigliandosi, pure quella. Insomma, mappa delle isolines MUF o delle frequenze foF2 OK, ma non solo ricavate da modelli basati sulla rete di (poche) ionosonde , bensì attualizzate con l'enorme mole di dati reali messa a disposizione da pskreporter, reversebeacon etc .
                        73 de IK7JWY Art
                        https://www.qrz.com/db/IK7JWY
                        http://www.infinitoteatrodelcosmo.it...rturo-lorenzo/

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da IZ5CML Visualizza il messaggio
                          E' colpa del ray tracing applicato o meno alla propagazione o della conoscenza della MUF in quel preciso istante ?

                          Intanto in 11m, dove a malapena si sa cosa sia l'F2, fanno qso intercontinentali in SSB...
                          La settimana scorsa, visto che mi sono dotato di una monobanda 3 elementi per i 10 metri, come ogni mattina punto 90* a rotore umano in quanto è provvisoriamente a 7 metri da terra affianco al monopollo su un palo, e mi metto all'ascolto.
                          Spazzo gli 11 per vedere se c'è propagazione (sono i miei reverse beacon da quando "intelligentemente" molti RBN si sono tolti dai 10 metri), sento un indonesiano che allegramente chiama a S5-7, mi piazzo sulla parte fonia dei 10, chiamo.
                          15 minuti a vuoto.
                          Boh, forse si è chiusa la propagazione! Torno giu, l'indonesiano macinava europa a nastro.
                          Provo in CW, forse mi va meglio! Macchè, altri 15 minuti sprecati.
                          Esco, torno verso la greyline del tramonto e faccio un PY e un CE.. bene, allora l'antenna funziona! Fatti questi 2 contatti, il nulla tranne qualche EA8 che ha risposto per cortesia.
                          Spinto dalla curiosità, vado a vedere cosa si sentiva in 11.
                          - Curacao
                          - Bonaire
                          - Cile
                          - Argentina
                          - Uruguay
                          - Martinique
                          - Guadeloupe
                          - French Guyana
                          I freebanders non usano (come è ovvio) CW, una piccola percentuale usa i modi digitali, tradizionalmente è una banda solo fonia e visto che hanno solo quella, alla minima apertura c'è molta attività.
                          Quindi, la radio è in disuso o i modi "umani" sono in disuso?
                          Io mi inizierei a preoccupare dei 10 metri, se qualcuno comincia a vedere che 1,7 MHz sono deserti perchè se ne usano solo 4 kHz a malapena, fate voi...

                          Cris IZ0IEN
                          http://www.technecom.it
                          Founder of FOC - Frigo Operators Club
                          Member of SOC #990 - Second Operator Class
                          Orgoglioso cultore del CW a correzione d'errore.

                          Commenta

                          Sto operando...
                          X